I TEMPI DELLE REVISIONI SI ALLUNGANO LA DENUNCIA DELLA FAI DI TORINO

Da tempo la Conftrasporto è impegnata per cercare una soluzione al grave disagio che la mancanza di ingegneri presso gli uffici delle motorizzazioni territoriali determina per le imprese di autotrasporto, in tema di revisioni, che penalizzano in particolare quelle che operano sui mercati esteri.


Soluzioni sono state promesse ma nei fatti mai mantenute. Il problema è determinato in particolare per le revisioni ai mezzi pesanti che debbono essere effettuate a scadenze ben precise. La mancanza di soluzioni, nonostante siano state concordate delle misure con il dicastero dei trasporti, sta particolarmente colpendo le imprese che operano nei trasporti internazionali. Se in Italia le forze addette ai controlli consentono alle imprese di esibire le prenotazioni delle revisioni, così non avviene nei paesi esteri nei quali l’assenza delle revisioni annuali è sanzionata duramente.


Questo danneggia l’operatività delle imprese che rischiano di perdere quote di mercato e commesse di trasporto a vantaggio delle concorrenti estere. Insomma una vergogna!


Qualcuno si domanderà quale sia risposta che il ministero competente fornisce su un tema che potrebbe avere anche ripercussioni sulla sicurezza stradale. Sfortuna non voglia che un incidente grave che veda coinvolto un automezzo pesante non revisionato provochi l’intervento della magistratura. Chi potrebbe essere coinvolto? Dal punto di vista economico potrebbero sussistere diversità interpretative ma dal punto di vista politico la responsabilità non avrebbe che un solo soggetto.


La Fai di Torino con un comunicato stampa in questi giorni ha reso ancora evidente questa situazione nella quale si trovano le nostre imprese con denunce forti.


“Torino per le revisioni dei Tir occorre attendere il 2020”; “Revisioni lumaca per i mezzi pesanti, Fai Torino: il primo posto libero è a marzo 2020”; “Quasi un anno per la revisione di un Tir- così non possiamo circolare all’estero”; La paralisi della Motorizzazione manda in crisi autoscuole e trasportatori”. Questi alcuni titoli dei giornali torinesi che hanno reso evidente una situazione insostenibile. Li leggerà e soprattutto agirà il nostro ministro?

13 giugno 2019

Chi siamo

La F.A.I. Federazione Autotrasportori Italiani è la più grande associazione imprenditoriale del settore Trasporto merci per conto di terzi su strada in Italia, diretta, voluta e sostenuta unicamente dagli autotrasportatori.

I nostri contatti

Piazza G. G. Belli, 2
00153 Roma (IT)

tel. (+39) 06/58300213
fax (+39) 06/5816389